BeDigitals

Allestimento campi di allenamento A.C. Pisa 1909

Più di 400 mt di rete Mesh e 200 mt di Polionda, molti esperti in campo e tanti accorgimenti tecnici per un allestimento contro la furia del vento.

Allestimento campi di allenamento Pisa Calcio - BE Digitals

Il Cliente

A.C. Pisa 1909 è la società calcistica della città di Pisa e gioca nel campionato serie BKT (Serie B).

Da luglio 2021 siamo ufficialmente loro partner e ci siamo occupati del ripristino e allestimento dei campi di allenamento della prima squadra.

Ripristino e allestimento campi da calcio

La prima squadra si allena in uno spazio di proprietà dell’università di Pisa, che ospita 3 campi, 1 palestra, un piccolo ambulatorio medico e gli spogliatoi.

Il cliente ci ha chiesto di ripristinare le strutture esistenti, stampare nuovi materiali e allestire i campi per dare loro decoro e vivibilità.

Per questo lavoro sono “scese in campo” varie figure di BE Digitals: consulenti, stampatori, allestitori; tutti coordinati da Maura, la nostra executive account manager con più esperienza nel settore sportivo.

Allestimento campi di allenamento Pisa Calcio - pannelli -BE Digitals

Le sfide affrontate

La cosa più importante nell’allestimento di un campo da calcio è la resistenza dei materiali: resistenza agli urti, alle condizioni atmosferiche e al passare tempo.

Nel caso di questo campo abbiamo dovuto affrontare anche 2 situazioni particolari: la delicatezza delle strutture esistenti e il forte vento di libeccio.

Rifacimento delle strutture portanti

Per prima cosa abbiamo aggiunto dei tiranti alle strutture presenti per fare in modo che fossero abbastanza forti da reggere i materiali e resistere alle condizioni atmosferiche.

Si è reso dunque necessario l’intervento di fornitori esterni e un coordinamento generale per installare le nuove reti mesh perimetrali personalizzate, le panchine e tutte le strutture in metallo a bordo campo dove posizionare le grafiche.

Vento di libeccio

Sul litorale pisano è frequente che il vento di libeccio soffi forte e potente.

Era necessario tenere conto di questo aspetto climatico che rischiava di vaneggiare tutto l’allestimento.

Abbiamo usato tre espedienti per fare in modo che i materiali non volassero via e non venissero danneggiati:

1.         Cavi di ancoraggio per implementare i punti di aggancio sulle strutture esistenti;

2.         Uso di Reti Mesh che consentono al vento di passare tra le trame del tessuto evitando l’effetto vela;

3.         Uso di fascette di più spessori montate in modo da reggere la rete mesh ma cedere ad una pressione troppo forte del vento. In questo modo si strappa la fascetta ma non il telo e, qualora dovesse servire, l’intervento di manutenzione è più veloce.

Abbiamo avuto riprova dell’efficacia di questo espediente pochi giorni fa, quando un temporale si è abbattuto sul campo e i teli hanno retto come previsto.

E in caso di rottura del telo?

Abbiamo stampato i 420 mt di rete mesh, che coprono il perimetro esterno della struttura, a moduli di 10mt ciascuno.  Così, in caso di danneggiamento o eventuale cambio degli sponsor, dovremo ristampare e riallestire solo il singolo modulo senza sostituire tutta la rete.

Quando si lavora su progetti di questo genere è sempre bene prevedere i possibili intoppi e lavorare di anticipo ma è giusto anche essere pronti in caso di difficoltà.

Qualche numero

  • 420 mt di Rete Mesh
  • 250 mt di Polionda stampato, suddiviso in moduli da 3 mt cad (sempre per comodità di riparazione o sostituzione o aggiunta/cambio sponsor)
  • 220 mt di strutture in metallo per polionda
  • 10 mt di Vinile adesivo per personalizzazione panchine
  • 4 mt quadri DiBond per il cancello di entrata

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su